30 aprile 1944: strage di Lipa (Fiume)

aprile 29, 2013

La lapide in ricordo della strage di Lipa

Non serve molto per capire cosa è stato fatto quel giorno, a meno di un’ora, a qualche decina di chilometri da Trieste, in questo piccolo villaggio vicino a Rupa, sulla strada tra Fiume e Trieste.
Quelle due cifre, 87 abitazioni e 85 tra stalle e altri edifici, ad appena 21 km da Fiume.
Era una domenica pomeriggio; i maschi adulti o giovani impegnati quasi tutti con i partigiani erano da tempo via dal villaggio. Un monumento nel centro del paese, quasi di fronte alla lapide della foto, ricorda i 17 partigiani di Lipa caduti durante la guerra di liberazione jugoslava. Nei pascoli intorno qualche ragazzo o ragazza, 4 o 5 in tutto, attenti al bestiame. La neve se ne era andata da poco. E una famiglia giù a Fiume, in città. Sarebbe ritornata il giorno dopo, sorpresa dai militari addetti alla “bonifica” e sterminata per impedire scomode testimonianze.
Al mattino era stata attaccata da una brigata partigiana la caserma di Rupa, un paese un po’ più grosso, dove la stazione dei carabinieri fascisti serviva da presidio per il controllo della strada che collegava Fiume a Trieste. Da Fiume sta sopraggiungendo una colonna di una trentina di soldati tedeschi che vengono chiamati in soccorso e mentre stanno ancora decidendo il da farsi una granata li colpisce; 4 soldati tedeschi muoiono. Questo episodio fa scattare la rappresaglia. Vengono chiamati rinforzi da Ilirska Bistrica, un reparto speciale guida l’azione che dovrà essere “esemplare”. Viene chiesto ai carabinieri da quale villaggio intorno a Rupa fossero originari con certezza i partigiani. E i carabinieri li accompagnano a Lipa…
Madri, bambini e anziani vengono condotti e stipati nell’ultima casa di Lipa e bruciati vivi. Le bombe a mano gettate dentro per distruggere completamente la casa e rendere impossibile un riconoscimento delle vittime. I morti furono 269, fra cui tre bambine che non avevano neanche un anno.
Ma la caratteristica straordinaria di questa strage sono le fotografie originali, scattate da qualche soldato addetto alla documentazione delle azioni di guerra (immagino), stampate di nascosto nel laboratorio fotografico di Ilirska Bistrica e ancor oggi conservate e solo parzialmente riprodotte nel piccolo Museo di Lipa; la cui visita è un vero “pugno nello stomaco” per chi non sa cosa abbiamo combinato – noi brava gente – in quei luoghi. (da http://fiumetrieste.blogspot.it)

 

{ 2 comments… read them below or add one }

Sebastiano ottobre 4, 2014 alle 5:04 pm

Suluto tutti io stavo cercando notizie di mio zio che è caduto a lipa nel febbraio 1943
ne sarei entusiasta se c’è qualche notizia in più
vi ringrazio Sebastiano

Mio zio si chiamava Giuseppe Carboni, nato il 28/12/1919 a Tonara (Nuoro Sardegna)

Sebastiano ottobre 27, 2014 alle 5:54 pm

salve avevo uno zio che è caduto a lipa era partigiano del battaglione triestino d’assalto
so che è sepolto li tramite inchieste e ricerche mi piacerebbe avere più notizie
ed qualche conferma per poi poter venire a constatare di persona
non so se c’è un cimitero dove lui è sepolto se aveva una famiglia li perchè notizie che mi hanno
dato dicevano che una signora ed una ragazza andava a trovarlo e portare dei fiori tanti anni fa
prima della guerra in iugoslavia, se sapete
oppure avete notizie aspetto con piacere risposta
grazie Sebastiano

Leave a Comment

{ 4 trackbacks }

Previous post:

Next post: