24 novembre: Giornata nazionale del tesseramento

novembre 19, 2013

DIFENDIAMO LA COSTITUZIONE

 

 Nella Giornata del Tesseramento per  aderire all’Anpi in nome dell’Antifascismo e della Resistenza:

Anpi Mirano    Anpi Spinea     Anpi Noale    Anpi S.Maria di Sala     “Rete per La Costituzione”

Ti invitano

DOMENICA 24 NOVEMBRE 2013

in Piazza Martiri di Mirano ore 10.30

a sottoscrivere la petizione

da inviare ai deputati del Parlamento

per dire no

agli attuali tentativi di riforma costituzionale

Appuntamento con la Costituzione: No alla modifica dell’art. 138.

“Riguardo alle riforme costituzionali si vuole togliere l’ultima parola ai cittadini su una norma di garanzia costituzionale (art. 138 della Costituzione).” Mobilitiamoci insieme per impedirlo. L’ANPI invita tutti il 24 novembre, nelle piazze d’Italia, per un appuntamento con la Costituzione e propone a tutte le altre Associazioni un presidio da tenere nei pressi della Camera dei Deputati nei giorni immediatamente precedenti al voto (attorno al 10-11 dicembre). La Democrazia è anche vera informazione.

Appello per la democrazia della nostra Costituzione

Nel Paese è sempre più forte e vasta la preoccupazione per il lavoro; le condizioni di vita sempre più precarie per masse di cittadini; l’erosione dei diritti fondamentali come il diritto alla salute, all’istruzione, all’ambiente, è in continua progressione.
Nonostante ciò, la maggioranza di Governo ha deciso di impegnarsi per cambiare la Costituzione, addirittura nel suo impianto istituzionale e senza alcun dibattito nel Paese. La Costituzione, nata dalla resistenza e dallo spirito antifascista, si può modificare, ma senza stravolgere gli equilibri della democrazia parlamentare, già parzialmente rappresentativa a causa di una legge elettorale, ora sottoposta al giudizio della Corte Costituzionale.
Di più ci preoccupa l’introduzione di un presidenzialismo o semi-presidenzialismo diretto, più volte reclamato dalla destra, che toglierebbe al Presidente della Repubblica il suo ruolo di super partes esercitato nel Consiglio Superiore della Magistratura o come Capo delle Forze Armate. Questa concentrazione di poteri l’abbiamo già vissuta in passato, con tragiche conseguenze. Non è con un presidente votato “a maggioranza” che si esce dalla crisi ma con una nuova visione morale della cosa pubblica, e una più equa politica dei redditi e del lavoro.
Per questo si chiede che l’attuale maggioranza, piuttosto che impegnarsi per stravolgere la Costituzione, approvi subito i provvedimenti necessari a garantire una svolta per l’occupazione, le politiche del lavoro e una nuova legge elettorale coerente con i principi costituzionali.
Per questo abbiamo deciso di impegnarci per la difesa della nostra Costituzione fonte dei diritti di eguaglianza, di solidarietà e di pace.

Diego Collovini  Presidente Comitato Prov.Anpi di Venezia
Tullio Cacco        Segretario Comitato Prov. Anpi di Venezia

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Previous post:

Next post: