pace lavoro costituzione

maggio 23, 2016

Listener.png 1

{ 0 comments }

pace lavoro costituzione

maggio 20, 2016

sistema elettorale  dell’ ITALICUM  http://www.camera.it/application/xmanager/projects/leg17/attachments/infografica/pdfs/000/000/003/NSE_DEFINITIVA.pdf

“C’è sempre bisogno di difendere gli spazi di democrazia. Perché questi diminuiscono quando due persone estranee al Parlamento trovano un accordo sulla legge elettorale, imponendola poi ai relativi partiti. Una legge elettorale che è l’esatto contrario di quanto promesso per anni, che ancora una volta non dà la parola ai cittadini, non fa scegliere i propri rappresentanti, creando un Parlamento di nominati. Questa è cattiva politica, ed è anche riduzione degli spazi di democrazia”. CARLO SMURALIA Presidente anpi nazionale al congresso CGIL 2014.

 

Comunicato stampa del DIRETTIVO ANPI SEZ. “MARTIRI DI MIRANO”

Oggetto:Comitato Referendario per il NO

Il Direttivo ANPI sez. “Martiri di Mirano” riunitosi in data 15.04.2016 dopo approfondita discussione ha deliberato, a maggioranza dei suoi membri effettivi,di promuovere l’isituzione  del Comitato Referendario per il NO alla Riforma Costituzionale  e avviare la raccolta delle firme per il Referendum  per l’abolizione di alcuni punti della legge elettorale (Italicum).

Il Comitato   aderisce al “COORDINAMENTO nazionale DEMOCRAZIA COSTITUZIONALE (CDC)” .

La decisione di impegnarsi per il NO  nel prossimo referendum sulla riforma costituzionale approvata da questo parlamento  è una scelta che mira a salvaguardare i valori della Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza e non a scendere in campo a favore o contro di questa o quella forza politica.

L’Anpi ritiene che la combinazione di questa riforma Costituzionale e della nuova legge elettorale (Italicum)  presenti forti rischi di una deriva autoritaria potendo concentrare il potere nelle mani del governo e di chi lo guida senza i contrappesi e le garanzie presenti nell’attuale assetto costituzionale.  Verrebbe infatti   attribuito ad un unico partito , che potrebbe essere l’espressione di una ristretta minoranza di elettori , sia il potere legislativo che il potere esecutivo condizionando inoltre l’elezione del Presidente della Republica , dei giudici della Corte Costituzionale e dei componenti del Consiglio Superiore della Magistratura , organi di garanzia e controllo per la vita della democrazia costituzionale.

L’opportunità di una revisione della nostra Carta Costituzionale  e la presenza   anche di norme  positive non sono però sufficienti  a compensare il giudizio nettamente  negativo sul complesso di questa riforma.

In questo senso si sono chiaramente espressi anche numerosi e importanti costituzionalisti che recentemente hanno sottoscritto un documento in cui affermano che questo processo di riforma  si sia tradotto  ,” per i contenuti ad esso dati e per le modalità del suo esame  e della sua approvazione parlamentare , nonché della sua presentazione al pubblico in vista del voto popolare , in una potenziale fonte di nuove disfunzioni del sistema istituzionale e nell’appannamento  di alcuni criteri  portanti dell’impianto e dello spirito della Costituzione”.

Ricordiamo inoltre che i  rischi connessi a questo progetto di riforma  sono amplificati dal fatto che non solo in Italia   siamo di fronte ad un attacco alle Democrazie parlamentari nate dalle lotte di liberazione da regimi totalitari e dalla partecipazione popolare alle scelte di governo. E’ da diverso tempo che a livello internazionale si giudicano “pericolosamente di sinistra” certe Costituzioni, specie quelle di alcuni stati europei, che sono accusate di rallentare le decisioni dell’esecutivo dando troppo spazio al dissenso espresso nelle aule parlamentari.

La tanto urlata rottamazione si è presto capito che non riguardava le vecchie forme di gestione del potere, che continuano a permanere sotto altre vesti,  bensì ai diritti di rappresentanza e di garanzia dei cittadini nei modi sanciti dalla Costituzione del 1948.

In un quadro mondiale attraversato da tragedie immani, minacciato da folli propositi di uso delle armi nucleari, in uno scenario dove l’Europa si è dimostrata divisa al suo interno, incapace di proporre e imporre una sua linea di azione, esplodono i nazionalismi carichi di un retaggio culturale che porta diritto al nazifascismo, il terrorismo, le strategie egemoni imperialistiche, indifferenti alle ragioni dei popoli e delle minoranze, all’autodeterminazione e al diritto di esistere

E’ anche per queste ragioni, che nel nostro piccolo, dobbiamo essere rigorosi e intransigenti sul piano etico e morale continuando a scegliere di stare dalla parte di chi, con il sacrificio dalla vita, ci ha aperto la strada difficile della Democrazia garantita dalla Costituzione vigente.

Il Direttivo ANPI “Martiri di Mirano”

Mirano, 15.04.2016

IL  DIBATTITO  E’ APERTO

———- Messaggio inoltrato ———-
Da: lionello.bertoldi@alice.it <lionello.bertoldi@alice.it>
Date: 20 maggio 2016 18:00
Oggetto: Apertura sul sito nazionale ANPI di una finestra sui referendum – Settimana straordinaria delle firme
A: anpidimirano@gmail.com

Caro Andrea Liparoto, quando il mio partito mi faceva diffondere il libretto: “a quello che ti domanda tu rispondi” era tanto tempo fa e sono convinto che quella premura ed esigenza di condurci per mano non esista più, per fortuna, semmai è esistita. Ma era pur sempre il mio partito, quello strumento che scelgono gli uomini per avere più intelligenza e più forza.

ANPI è ancora feconda perché è stata ed è portatrice dei valori della pace, della libertà, dell’uguaglianza nella giustizia, ma non sarà mai un partito.

ANPI è nata nel tempo terribile e magnifico della Resistenza, per dare solo un nome di casa comune ed una direttiva a donne e uomini che da soli avevano preso la via della montagna o giocavano a rimpiattino con l’orrore dei nazifascisti, ma mai in nessun momento ANPI chiese a qualcuno come avrebbe votato. Per questo mantenne e ha mantenuto una funzione unitaria, che deve saper ancora dispiegare per essere pari al suo impegno di proteggere la Memoria del riscatto alla democrazia. E’ questo il significato pratico di “concorrere alla piena attuazione, nelle leggi e nel costume, della  Costituzione italiana . . . ”

La Costituzione per noi e per molti rimane la tavola delle regole fatte per difendere tutti i deboli. Attuarla significa anche attrezzarla per rispondere alle  nuove debolezze. ANPI con la sua funzione può darci solo una visione unitaria e sollecitare il nostro libero voto, quello che abbiamo conquistato assieme.  Il resto tocca a ciascuno di noi, anche organizzati in partiti, che ci rappresentano, rispettando appunto la Costituzione

[click to continue…]

{ 0 comments }

Alla mezzanotte dell’8 maggio 1945 , nel settore sud orientale di Berlino, a Karlshorst , si tenne la cerimonia ufficiale della firma dell’Atto di resa incondizionata della Germania nazista. Da parte dell’Unione Sovietica il vicecomandante supremo delle Forze armate dell’Urss Maresciallo dell’Unione Sovietica G.K.Zukov accolse la resa della Germania. Il comando supremo del corpo di spedizione alleato era rappresentato dal Vice di Eisenhower , Maresciallo dell’aviazione della Gran Bretagna A. Tedder . Le forze armate degli USA erano rappresentate dal comandante delle forze aeree C. Spaatz , mentre per le forze armate francesi era presente il comandante J.M. Lattre de Tassigny .

 

La commemorazione del Giorno della resa incondizionata del Nazifascismo e della Vittoria in Europa  rischia di passare sotto silenzio o quasi: l’ Anpi Mirano a nome del suo segr.  sollecita i democratici e gli antifascisti attraverso la conoscenza documentata, a rivisitare la Storia, soprattutto quella del ‘900, senza ostracismi o parole pregiudizievoli.

Durante l’ultima battaglia a Berlino il popolo sovietico dovette pagare un caro prezzo per la vittoria definitiva sulla Germania nazista : dal 16 Aprile all’8 Maggio 1945 i fronti bielorusso e ucraino ebbero circa 300.000 tra morti e feriti .

Esistono documenti russi, molti di essi inediti, dell’ultima battaglia,  la cui visione diventa importante per il legame tra la rappresentazione del passato e la riconsiderazione per il futuro… per un impegno consapevole unito al desiderio di pace.

sotto il link del documentario russo sulla battaglia di Berlino

{ 0 comments }

 

 

il nipote di orazio rutoli25 apr_a

MIRANO COMMEMORA UN GRANDE ITALIANO

Il 25 Aprile 2016 Mirano ha commemorato un grande italiano. Hanno presenziato alla manifestazione le Autorità comunali, l’Anpi di Mirano, e una rappresentanza di  studenti dei Licei di Mirano, erano presenti anche il partigiano miranese Antonio Noventa (Tonino), della brigata Guido Negri, che ebbe a combattere assieme ad Argeo Masaro (ferito gravemente) e a Brunello Rutoli (caduto nel combattimento)   .                          Si è commemorato  Il generale medico Orazio Rutoli,  allora colonnello, fu il Direttore Sanitario dell’Ospedale Militare della Marina a Mirano. In questa veste salvò moltissimi giovani soldati dalla deportazione in Germania da parte dei nazisti, organizzò la Resistenza a Mirano, perse il figlio Brunello partigiano combattente. Fu arrestato e subì le violenze e il carcere nazi-fascista assieme alla moglie e alla figlia Fiorella.  I nipoti Martinelli, presenti alla anifestazione,  hanno letto commossi la relazione scritta dal col. Rutoli subito dopo il 25 Aprile 1945. Questo documento è importantissimo per la storia della Resistenza miranese, ve lo proponiamo nella  sua imtegrità. Listener

leistener 2

leistener 3gen_ Rutolileistener1leistener 3


{ 0 comments }

ci ha lasciato Vittorio Pesce Delfino

aprile 29, 2016

Vittorio Pesce Delfino scienziato comunista è morto. Era presidente del Centro Gramsci di Educazione. Un ricordo   di Milena Fiore, Quando Vittorio mi chiamò a collaborare col suo gruppo di ricerca, lo fece perché ero una militante del PdCI, al quale anche lui era iscritto. In quegli anni collaboravo alla web tv pdci.tv, un esperimento […]

Leggi l’articolo completo →

commemorazione 25 aprile a Mirano

aprile 21, 2016

giornata di liberazione dal nazifasscismolocandina 25 aprile 2016 

Leggi l’articolo completo →

25 aprile giorno della liberazione…a quando la liberazione dalle armi nucleari?…sostieni il Sindaco di Hiroshima…visita il sito “Majors for peace”

aprile 20, 2016

L’arte della guerra Escalation nucleare in Europa Manlio Dinucci La Casa Bianca è «preoccupata» perché caccia russi hanno sorvolato a distanza ravvicinata una nave Usa nel Baltico, effettuando un «attacco simulato»: così riportano le nostre agenzie di informazione. Non informano però di quale nave si trattasse e perché fosse nel Baltico. È la USS Donald […]

Leggi l’articolo completo →

Congresso provinciale Anpi Venezia intervento del Pres. Diego Collovini — Emendamenti e ordini del giorno al Documento nazionale approvati

aprile 19, 2016

16°Congresso Provinciale dell’ANPI di Venezia Mestre 9 aprile 2016 Relazione introduttiva del Presidente Diego Collovini al Congresso Emendamenti ordini del giorno approvati

Leggi l’articolo completo →

aprile 12, 2016

           EQUAZIONE 2 : “dal resto del mondo alla nato “     http://www.pandoratv.it/?p=7216art. 11 Cost.

Leggi l’articolo completo →

DUE EQUAZIONI

aprile 10, 2016

            Statement by the Secretary General on NATO-Russia COUNCIL MEETING La NATO  e il resto del mondo :  Equazione 1… a questa  informativa ci pensano la Rai                                                          Mediaset e la stampa occidentale Il RESTO DEL MONDO e la Nato : Equazione 2…a questa informativa ci pensa                                                                L’Anpi Mirano Gli Stati Uniti continuano a mostrare […]

Leggi l’articolo completo →