6 giugno 1944: Forte Tombion, “l’atto di sabotaggio più importante dell’ultimo conflitto”.

giugno 6, 2012

Se andate a Bassano del Grappa e poi proseguite per la statale della Valsugana verso Trento, dopo Cismon del Grappa, dove la valle si fa più stretta, c’è quello che resta del Forte Tombion. Costruito nel 1885, faceva parte del sistema di fortificazioni denominato “Fortezza Brenta – Cismon”. Tagliato fuori dalle operazioni belliche fin dall’inizio del conflitto 1915-18, il forte Tombion divenne un semplice magazzino di transito e venne parzialmente demolito dagli italiani dopo il ripiegamento sul Monte Grappa. Nella primavera del ’44 i tedeschi avevano depositato una grossa quantità di esplosivo che doveva servire per la costruzione di una linea di difesa per contrastare l’avanzata degli alleati. Era verso la fine di maggio del 1944 quando pervenne la richiesta alleata di sabotare la linea ferroviaria che collegava Trento a Bassano percorrendo la Valsugana; una richiesta motivata dal fatto che, a causa dei continui bombardamenti aerei sulla linea del Brennero, una buona parte del traffico militare tedesco transitava proprio su quella linea. Nella ricognizione della zona emerse che, nel punto più stretto della Valsugana, dove la ferrovia e la strada statale si lambiscono, sorgeva il Tombion, di fronte al quale vi era l’omonima galleria ferroviaria: ambedue obiettivi sui quali si sarebbe dovuto intervenire. Così venne deciso di attaccare il deposito ed utilizzare l’esplosivo per sabotare la ferrovia. L’azione ebbe inizio alle ore 22,00 del 6 giugno 1944. “Bruno” Paride Brunetti (comandante della Brigata Garibaldi “Antonio Gramsci” di Feltre), unitamente ad un nucleo appartenente alla resistenza, riuscì ad entrare nel forte dopo aver disarmato il corpo di guardia. Si misero quindi in atto tutti quegli accorgimenti necessari per il trasporto dell’esplosivo in un punto cruciale della galleria e si provvide alla evacuazione degli abitanti della zona. Si diede, infine, fuoco ad una lunga miccia: era l’una del 7 giugno quando una violentissima esplosione distrusse la galleria per una trentina di metri, interrompendo la comunicazione ferroviaria su quella tratta. A dare notizia dell’accaduto fu anche Radio Londra che plaudì all’azione. Sulla via del ritorno, tra i monti, “Bruno” e i suoi compagni si imbatterono in una pattuglia tedesca: esaurite le munizioni egli fece allontanare i compagni e da solo, contro la reazione di fuoco nemica, si portò a distanza ravvicinata e lanciò cariche esplosive determinando la resa dei tedeschi. Nel 1947 egli venne insignito della Medaglia d’Argento al V.M. dall’allora Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi. La città di Feltre e quella di Vittorio Veneto gli conferirono la cittadinanza onoraria. Più tardi, a Milano, Brunetti riceverà dal generale Clark, comandante la Quinta Armata, la “Bronze Medal Star”, assieme a Raffaele Cadorna e a Ferruccio Parri. Terminata la guerra “Bruno” proseguì nella carriera militare ma, nel 1958 al momento dell’avanzamento di carriera dal grado di maggiore a quello di tenente colonnello, nonostante il parere favorevole della commissione a ciò preposta, l’allora Ministro della Difesa, a suo insindacabile giudizio, lo dichiarò inidoneo alla promozione: un partigiano combattente non sarebbe stato affidabile per ricoprire alti incarichi nell’Esercito italiano! Fu una vittima del maccartismo scelbiano. Congedatosi dall’esercito, tornò alla vita civile.
Il 26 maggio 2010 Brunetti partecipò alla cerimonia di inaugurazione della lapide posta dal Comune di Padova sulla facciata di casa Zamboni a ricordo di quel piccolo gruppo di Patrioti che iniziarono la Resistenza militare nel settembre del ’43. I documenti storici tramandano i nomi di nove di quei Patrioti, tre dei quali morirono per l’Italia, chi in combattimento, chi fucilato, chi impiccato sulla forca. Altri tre furono imprigionati e torturati.
In quella occasione Paride Brunetti ricevette dal Sindaco Zanonato il Sigillo della città di Padova e incontrò un folto gruppo di giovani studenti padovani e li invitò ad aspirare ad un mondo migliore, cercando la concordia e ripudiando la guerra che produce solo distruzione, esortando i presenti ad attuare la nostra Costituzione “scritta col sangue e con gli impiccati”.

È morto il 9 gennaio 2011 a Saronno.

http://www.cismon.it/Azione_partigiana_al_Forte_Tombion.html

Per una storia della brigata “Gramsci”: http://www.croxarie.it/index.php?option=com_content&view=article&id=179:resistenza-costituzione-del-gruppo-brigate-antonio-gramsci&catid=36:documenti&Itemid=248

La storia del sabotaggio nelle pagine del diario della partigiana “Gina”: https://docs.google.com/file/d/0B9EZVVVyy4LjTFR2MzdLQVoyOE0/edit

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

{ 1 trackback }

Previous post:

Next post: