Shoah, trovato a Budapest il criminale di guerra nazista più ricercato

luglio 16, 2012

Dopo una caccia durata oltre 15 anni, è stato ritrovato in Ungheria il criminale di guerra nazista più ricercato, Laszlo Csatary. Il centro ‘Simon Wiesenthal’ ha annunciato di aver fornito a Budapest “nuove prove” per dimostrare che si nascondeva in un quartiere della capitale, dopo che l’anno scorso aveva dato ai reporter britannici indicazioni per localizzarlo. Il giornale britannico Sun on Sunday, che ha dato l’annuncio, scrive che Csatary, 97 anni, è accusato di aver contribuito a sterminare 15.700 ebrei ad Auschwitz. L’uomo era il capo della polizia incaricato di occuparsi degli ebrei dal governo filonazista dell’epoca a Kosice, attuale Slovacchia. Documenti dell’epoca dimostrano che svolse allora un ruolo di primo piano nelle reclusione di 12 mila ebrei in un ghetto, nella requisizione dei loro beni e nella supervisione, nel 1944, della loro spedizione nel campo di sterminio. Solo 450 avrebbero fatto ritorno. Dopo la guerra fu condannato a morte in contumacia da un tribunale cecoslovacco. Ma Csatary sarebbe riuscito a farsi una nuova esistenza in Canada. La sua attività di commerciante d’arte fu interrotta nel 1997, quando la sua vera identità fu scoperta e la cittadinanza canadese gli venne revocata. Ma Csatary non si perse d’animo e di nuovo fece perdere le proprie tracce. Solo nel 2011 il Centro Wiesenthal avrebbe ricevuto (pagando 25 mila dollari) l’informazione decisiva: Csatary, “il criminale nazista più ricercato”, viveva agiatamente a Budapest. Nel suo rione, spiega ora il Sun, era noto come ‘Papà Csatary’ e sul campanello di casa aveva scritto ‘Smith-Csatary’. “Confermo che Csatary è stato identificato e ritrovato a Budapest’’, ha affermato il direttore della sezione israeliana del centro Efraim Zuroff. “E’ un dovere verso la nostra generazione, quella che è venuta dopo l’Olocausto”.Simon Wiesenthal era sopravvissuto alla Shoah. Morto nel 2005, dedicò la sua vita alla memoria dello sterminio del popolo ebraico e alla ricerca dei criminali di guerra nazizti. Nel 1977 venne aperto l’omonimo centro a lui dedicato, che promuove la consapevolezza dell’antisemitismo, controlla i gruppi neonazisti e collabora ad assicurare alla giustizia i criminali nazisti di guerra sopravvissuti.
Il quotidiano britannico “The Sun ha potuto fotografarlo e filmarlo grazie alle nostre informazioni fornite a settembre del 2011”, ha aggiunto Zuroff ricordando che le stesse informazioni erano state inoltrate allora anche alla magistratura ungherese. “Queste nuove prove rafforzano la nostra convinzione che debba essere ritenuto responsabile dei crimini che ha commesso”. Il centro Simon Wiesenthal ha spiegato il ruolo chiave di Csatary nella deportazione di circa 300 ebrei da Kosice a Kamenetz-Podolsk in Ucraina, che vennero quasi tutti uccisi nell’estate del 1941. “Il passare del tempo non diminuisce le sue colpe e responsabilità e l’età avanzata non può consentire la protezione ai responsabili dell’Olocausto. Il sospetto è stato identificato grazie a un soffiata ricompensata con 25mila dollari. Una cifra che “offriamo quando ci forniscono informazioni che aiutano a rintraciare i criminali nazisti”. Jeno Varga, Il vice procuratore di Stato ungherese, ha dichiarato: “Stiamo svolgendo le indagini. La Procura valuterà le informazioni ricevute”. (Da “Il Fatto” del 15 luglio 2012)

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Previous post:

Next post: