OPERAZIONE “Sindaco di Hiroshima”: al BANDO le armi nucleari entro il 2020

giugno 29, 2017

https://www.youtube.com/watch?v=F38HNz4W7-o

Risultati immagini per hiroshima

2017

 

Dichiarazione del sindaco di Hiroshima Kazumi Matsui                                                         Presidente di Majors for peace in nome dei sindaci per la pace

 

Conferenza delle Nazioni Unite per negoziare uno strumento giuridicamente vincolante per la messa al bando delle armi nucleari, nella direzione della loro

Totale eliminazione.

 

                                                                         Nazioni Unite, 15 giugno 2017

 

Grazie Madam Presidente per aver dato l’opportunità di affrontare questa Conferenza delle Nazioni Unite per negoziare uno strumento giuridicamente vincolante per vietare le armi nucleari. Parlo oggi come sindaco di Hiroshima, la prima città attaccata da un’arma nucleare, per condividere i desideri seri del hibakusha per l’eliminazione delle armi nucleari.

Settantotto anni fa, il 6 agosto 1945, la singola bomba atomica sganciata su Hiroshima ridusse la città in rovina. Anche coloro che riuscirono a malapena sopravvivere sono stati tormentati da sofferenze durature., sono stati attanagliati dal dolore di perdere le loro amate famiglie e amici , dagli effetti a lungo termine della radiazione e dall’ansia costante sulla loro salute e sui loro prole.

Dopo aver vissuto una tale tragedia indescrivibile, sono arrivati ​​alla incrollabile convinzione che “nessuno debba mai più soffrire di nuovo come noi”, e che si continui a sostenere l’appello per l’abolizione delle armi nucleari con il fervido desiderio di pace per i popoli del mondo. Il loro desiderio serio è di essere testimoni durante la loro vita. del divieto delle armi nucleari .

Ringraziamo sinceramente l’ambasciatore Whyte Gomez, presidente della conferenza, per l’inserimento di un riferimento alle sofferenze ei contributi dell’ hibakusha nel suo eccellente progetto di convenzione pubblicato di recente. Apprezziamo altresì che il progetto contiene disposizioni che permettano la futura partecipazione di quegli Stati attualmente dipendenti da armi nucleari. Questo è in linea con le proposte dei Sindaci per la Pace, che presiedo. È la nostra forte speranza che, attraverso discussioni aperte e costruttive in questa sessione sulla base del progetto del presidente, il nuovo trattato risultante diventerà un trattato di divieto chiaro che rafforzerà e rafforzerà anche gli strumenti giuridici esistenti. Mi auguro vivamente che un nuovo trattato sarà adottato in questa sessione

 

.

 

 

La nostra sfida dopo la riuscita adozione di un nuovo trattato sarà chiara: dobbiamo persuadere gli Stati armati nucleari a rinunciare alla loro cattiva abitudine di investire in programmi di modernizzazione spargenti di armi nucleari e di incoraggiare loro e i loro alleati che hanno boicottato i negoziati per unirsi Il trattato. A tal fine, le parti contraenti del nuovo trattato e una vasta gamma di partner della società civile dovranno unire le forze per condurre dialoghi forti con gli Stati armati nucleari e con i loro alleati per ricordargli che la dipendenza dalle armi nucleari non è solo inutile per risolvere Le sfide attuali della sicurezza internazionale, ma anche la sopravvivenza di tutta la specie umana. Inoltre, l’intera comunità mondiale ha bisogno di collaborare e collaborare per assicurare che il nuovo trattato diventi uno strumento giuridico pienamente efficace per ottenere l’abolizione nucleare. Riteniamo che tali sforzi contribuiranno anche ad accelerare gli sforzi di disarmo nucleare di buona fede da parte degli Stati armati nucleari. È giunto il momento per i responsabili politici del mondo, specialmente quelli degli Stati armati nucleari, di esercitare una leadership decisiva nell’attuazione del loro obbligo di disarmo nucleare se stanno gravemente prevenendo la proliferazione nucleare. Dovrebbero ricordare che i progressi passati nel disarmo nucleare avvenivano in picchi di tensione internazionale attraverso coraggiose iniziative congiunte di leader politici che si sono affrontati, come dimostrato nel caso della conclusione del Trattato di esclusione delle prove nel 1963 e delle forze nucleari di livello intermedio Trattato nel 1987. È il loro turno di farlo di nuovo adesso. Sindaci per la Pace, con quasi 7.400 città membri in 162 paesi e regioni, continueranno a coltivare ampie

. È giunto il momento per i responsabili politici del mondo, specialmente quelli degli Stati armati nucleari, di esercitare una leadership decisiva nell’attuazione del loro obbligo di disarmo nucleare se stanno gravemente prevenendo la proliferazione nucleare. Dovrebbero ricordare che i progressi passati nel disarmo nucleare avvenivano in picchi di tensione internazionale attraverso coraggiose iniziative congiunte di leader politici che si sono affrontati, come dimostrato nel caso della conclusione del Trattato di esclusione delle prove nel 1963 e delle forze nucleari di livello intermedio Trattato nel 1987. È il loro turno di farlo di nuovo adesso. I sindaci per la pace, con quasi 7.400 città membri in 162 paesi e regioni, continueranno a coltivare un’ampia opinione globale verso il disarmo nucleare. Continueremo a lavorare insieme ai nostri diversi partner nel mondo per alimentare un ambiente internazionale collaborativo che incoraggia i leader mondiali a prendere decisioni e approfondimenti verso l’abolizione nucleare. Lo facciamo nella nostra convinzione che quando l’intera comunità mondiale può cooperare per rafforzare i meccanismi di risoluzione delle controversie pacifiche in linea con lo spirito della Carta delle Nazioni Unite, la comunità mondiale si avvicina a un mondo pacifico senza armi nucleari. Cominciamo oggi questo lavoro

 

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Previous post:

Next post: