La Costituzione in mano al compagno Amato

settembre 18, 2013

Mentre si dà la caccia al povero Berlusconi colpevole di un’evasione di circa 300 milioni di euro, un altro cittadino viene nominato giudice della Corte costituzionale. Ricordo che quando scoppiò tangentopoli, il compagno Amato, allora vice segretario del Psi, venne a Grosseto a presiedere una riunione dei quadri locali del partito. Ero fra questi e decisi di andare. Amato disse che il finanziamento anomalo ai partiti era una necessità comune dei partiti. La corruzione era giustificata dal costo della politica e comunque lui era all’oscuro di qualsiasi finanziamento. Gli domandai come potesse sostenere di ignorare da dove provenissero i soldi per il sostentamento del partito. Gli dissi che tutta la classe dirigente avrebbe dovuto dimettersi. Risultato fu che Craxi ricevette le monetine, mentre il buon Amato cominciò la sua carriera. L’Italia non si è rinnovata affatto, se un pregiudicato come Berlusconi può rimanere alla guida di un partito di governo e un fedele compagno di un altro pregiudicato diverrà custode di quella Costituzione per la quale io da giovane ho lottato e sperato.

Giorgio Padovani, Brigata Garibaldi (da “Il Fatto” del 14 settembre 2013)

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Previous post:

Next post: